Alla scoperta della scienza

Gli inibitori della proteasi rivoluzioneranno la cura dell'epatite C

Scritto da 100scienze - FlashNews • Lunedì, 27 dicembre 2010 • Categoria: Salute


Vella, direttore del dipartimento del Farmaco dell'Istituto superiore di Sanità (Iss), annuncia che l'uso degli inibitori della proteasi arrivano dritti al virus dell'epatite C

Siamo alla vigilia di una rivoluzione nella cura dell'epatite C, patologia grave - è la causa di maggior numero di decessi tra le malattie infettive trasmissibili, la prima causa di trapianto di fegato al mondo, e in Italia fa segnare mille nuovi casi ogni anno - e spesso sottovalutata.

Arriverà da molecole giù utilizzate per affrontate le infezioni da Hiv: gli inibitori della proteasi.

"Con l'epatite C non dobbiamo ripartire da zero: possiamo partire da quello che abbiamo imparato con l'Aids",

spiega Stefano Vella, direttore del dipartimento del Farmaco dell'Istituto superiore di Sanità (Iss).


"Stanno per arrivare dei nuovi farmaci, gli inibitori della proteasi, già utilizzati per il trattamento dell'infezione da Hiv".

Sono medicinali

"in grado di arrivare dritti al virus. E come ieri hanno rivoluzionato la storia naturale dell'Aids, oggi lo faranno con quella dell'epatite C".

 

Anche secondo Raffaele Bruno, del dipartimento di malattie infettive della Fondazione Irccs San Matteo di Pavia e segretario Aisf (Associazione italiana per lo studio del fegato)

"ci stiamo avviando verso una nuova era della terapia dell'epatite C".

L'obiettivo, sottolinea,

"è aumentare sempre di più la percentuale di pazienti che guariscono".

1492 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Nessun commento

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.
To leave a comment you must approve it via e-mail, which will be sent to your address after submission.

To prevent automated Bots from commentspamming, please enter the string you see in the image below in the appropriate input box. Your comment will only be submitted if the strings match. Please ensure that your browser supports and accepts cookies, or your comment cannot be verified correctly.
CAPTCHA